Un viaggio tra i sapori del Sulcis.

Carbonia non avrà un suo piatto tipico e caratteristico, ma la tradizione culinaria della città, radicata nella cucina del basso Sulcis, e originaria della borgata agro-pastorale di Serbariu, offre l’opportunità a tutti i viaggiatori di scoprire più di un piatto di questi luoghi. Dai prodotti della terra ai prodotti del mare, passando per gli ottimi vini, a Carbonia puoi trovare e conoscere sapori diversi e assaggiare il vero gusto della nostra Isola.
Carbonia Turismo - Photo by Clodimiro Lievore Sardegna a tavola
Carbonia Turismo - Vino
Carbonia turismo - Vigneti

Carignano

Il territorio offre caratteristiche climatiche e ambientali uniche, dove la coltivazione della vite trova da sempre terreno fertile. Qui cresce uno dei vitigni autoctoni più rinomati e apprezzati della Sardegna, il Carignano.
Il vino che nasce da questo vitigno è un prodotto di altissima qualità, color rubino e profumo intenso. Il suo sapore è sapido e armonico e sa conquistare gli amanti dei vini dal carattere forte e deciso. Bere un sorso di Carignano e farsi rapire dal suo gusto è d’obbligo se si attraversano queste zone. Dai primi piatti con sughi di carne alle carni speziate, fino ad arrivare all’agnello sardo e ai formaggi stagionati, il Carignano si presta a numerosi, ottimi, abbinamenti.

Terra, mare, fregula e porceddu

Una volta in Sardegna, a Carbonia, è obbligatorio assaggiare i famosissimi malloreddus alla campidanese, conditi con il sugo di pomodoro semplice, salsiccia fresca e una spolverata di pecorino. In alternativa, i ravioli di ricotta e bietoline, con pomodoro e basilico e un po’ di pecorino semi-stagionato, sapranno solleticare in modo altrettanto stimolante il tuo palato. Per non parlare de sa fregula sarda, tipicità di questa terra, condita con ragù di agnello oppure con le arselle, se si amano i sapori del mare. Tra i secondi piatti, è ormai scontato citare il porceddu sardo fatto arrosto e servito su taglieri di sughero e completamente ricoperto di mirto che restituisce al palato quel particolare sapore aromatico. Altri secondi piatti indimenticabili sono l’agnello, la pecora e la capra, sempre arrosto, e la pecora in cappotto, uno stufato delizioso, condito con patate, cipolle, pomodori secchi e altri aromi della terra. Un piatto povero ma molto gustoso e nutriente.

Carbonia Turismo - Photo by Monapart Barcelona Sa Fregola Sarda
Carbonia Turismo - Photo by Mondo Del Gusto Civraxiu

Dal civraxu ai raviolini dolci

Il pane tipico della zona è il civraxiu di semola di grano duro, preparato con il lievito madre e cotto nel forno a legna. Assaggerai deliziosi crostoni di questo pane che faranno da letto a su casu arrostu, il formaggio locale arrostito, da gustare accompagnato con buon vino rosso. Una spolverata di pepe nero o una piccola colata di miele, daranno un gusto ancora più sfizioso a questa prelibatezza, spesso mangiata a fine pasto. Durante il periodo dei pomodori, qui a Carbonia si conserva un po’ di pasta di pane per preparare dei succulenti pani cun tamatiga, focacce tonde con i lembi quasi completamente chiusi verso il centro, condite con pomodori maturi, olio extra vergine di oliva, aglio, sale e basilico fresco, cotta nel forno a legna. Un vero street food tipico, perfetto in tante occasioni: dai pranzi più importanti alle gite fuori porta.
E se alla fine del pasto non sia arriva troppi pieni, ecco i dolci tipici come pardulas, pabassinus, pirichittus, gueffus e la frittura, rigorosamente fatta al momento, di raviolini dolci, ricoperti di miele o zucchero. Una delizia irresistibile.

Carbonia Turismo - Skyliner di Carbonia
Organizza la tua vacanza

Tutte le informazioni che ti servono per cominciare il tuo viaggio a Carbonia.